Image 1
Image 2
Image 3
Image 4
Image 5
Image 6
Image 7
Image 8
Image 9
Image 10

LICEO SCIENTIFICO STATALE "Armando DIAZ" - CASERTA

Sezione Associata: SAN NICOLA LA STRADA (CE)

Telefono 0823.326354 Fax 0823.448756 Sezione Associata: Telefono 0823.457198 Fax 0823.1876780

"A. DIAZ": UNO DEI 37 LICEI PIU’ ANTICHI D’ITALIA

Nel 1923, anno della Riforma Gentile, con un Regio Decreto furono istituiti i primi licei scientifici in 37 capoluoghi di provincia, tra cui anche Caserta. Il nostro liceo, che allora si chiamava “Regio Liceo Scientifico di Caserta”, iniziò la sua attività il giorno 1 ottobre 1923. Alla luce di ciò, si può sicuramente affermare che il liceo “A. Diaz” è uno dei più antichi licei scientifici d'Italia, il più antico della provincia di Caserta e l’unica scuola della nostra città che può ancora fregiarsi della denominazione di Liceo.

Registro Elettronico Docenti

Registro Elettronico Famiglie
Stampa  ultimo aggiornamento: Martedì 05 Settembre 2017

- AVVISI -

Nell'area riservata sono disponibili i seguenti documenti:

- programmazione di dipartimento per assi  - a.s. 2016/2017, comprende anche gli obiettivi minimi e la griglia di valutazione (aggiornata al 24/10/2016);

- programmazione di dipartimento per contenuti - a.s. 2016/2017;

- elenco del materiale didattico disponibile nel Laboratorio di Scienze.

 

I docenti interessati a far pubblicare materiale didattico, avvisi o altro sulla pagina dedicata al Dipartimento di Scienze possono rivolgersi all'assistente tecnico del Laboratorio di Scienze.

La password per accedere all'area riservata può essere richiesta alla Referente del dipartimento.



 


 

Le attività curriculari ed extracurriculari del Dipartimento


Anno scolastico 2015-2016


Il Liceo Diaz agli Smart Education & Technology Days alla Città della Scienza di Napoli.

 

Il Diaz, unica scuola casertana, anche quest’anno è stato selezionato per partecipare da protagonista alla XIII edizione di Smart Education & Technology days, 3 giorni per la scuola - PIC NIC della Scienza organizzata dalla Città della Scienza. La 3 giorni per la scuola è il principale evento di incontro e riflessione della scuola sulla didattica innovativa realizzato in Italia, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e da Città della Scienza, in collaborazione con la Direzione USR per la Campania. La convention 2015 ha visto la presenza, nei tre giorni, di oltre 15.000 partecipanti, di cui circa 10.000 docenti provenienti da scuole di ogni ordine e grado in rappresentanza di tutte le regioni italiane; 2.000 studenti di scuole di ogni ordine e grado; oltre 200 espositori e circa 300 relatori tra rappresentanti di enti nazionali e locali, istituzioni, centri di ricerca, università, scuole, associazioni e aziende.

 

Il 30 ottobre 2015 la classe 3E, accompagnata e coordinata dalla prof.ssa Immacolata D’Angelo, ha partecipato al Pic Nic della Scienza con una serie di esperimenti sulla Cimatica che ha molto divertito e interessato i visitatori.

 

In breve la Cimatica studia le forme prodotte dalle onde. Le basi di questa branca della Fisica furono gettate nel XVIII secolo dal giurista, musicista e fisico tedesco Ernst Chladni, egli osservò che i modi di vibrazione di una membrana, o di una lastra, possono essere visualizzati cospargendo la superficie vibrante con polvere sottile; la polvere, per effetto della vibrazione, si accumula progressivamente nei punti della superficie in cui la vibrazione è nulla dando origine a forme geometriche: a vibrazioni diverse corrispondono figure diverse.

 

Nell’a.s. 2014/2015 la classe 3E ha partecipato, sempre con un lavoro sulla Cimatica, al concorso Physics’ got talent, indetto dal Dipartimento di Fisica dell’Università Federico II di Napoli, anche in questa occasione gli alunni si sono distinti meritando una menzione della giuria.




Anno scolastico 2014-2015


Il Liceo Diaz agli Smart Education & Technology Days alla Città della Scienza di Napoli.

Nel quadro delle attività proposte da Città della Scienza il Liceo è stato selezionato per partecipare venerdì 10 ottobre 2014 a “La parola alle scuole” con il lavoro: Chain Reaction un anno di successi e il giorno sabato 11 ottobre 2014 con ai “Picnic della Scienza” Mars Rover, attività seguite dalle proff. Giuseppa Franza e Immacolata D’Angelo nell’a.s. 2013/2014.

 

Nella prima giornata le docenti Franza e D’Angelo hanno presentato gli esiti del progetto Chain Reaction e le ricadute che esso ha presentato sul piano didattico e relazionale.

 

Il secondo giorno gli allievi della ex 2E, Bruno Angelino, Rosa Castiello, Martina Del Buono, Anna Guerriero, Filomena Pascariello, hanno partecipato al Picnic della Scienza dove hanno illustrato, ad un interessato e divertito pubblico, gli esperimenti che avevano proposto, con ottimi risultati, alla Conferenza Nazionale Express Yourself di Napoli e alla Chain Reaction International Express Yourself Conference presso la Sheffield Hallam University, Sheffield (UK).

 

I restanti alunni delle attuali 3E e 2H, accompagnati dalle docenti B. Spadea e F. Zampella, oltre a supportare i compagni hanno potuto visitare gli stand della mostra.

 

PicNicScienza

 


 

Geni a Bordo - il camper della Scienza

 

Il Dipartimento di Scienze, nell’ambito delle attività programmate per l’anno scolastico 2014/2015, ha aderito al progetto Geni a Bordo - il camper della Scienza.

 

I divulgatori scientifici Sergio Pistoi e Andrea Vico girano l’Italia per raccontare agli studenti la genetica e le biotecnologie.

 

Martedì 14 ottobre 2014 hanno parcheggiato il loro camper nel cortile del nostro Liceo e hanno incontrato una rappresentanza delle classi quinte parlando di genetica in modo dinamico, divertente ed autorevole.

 

geni a bordo


I docenti del Dipartimento di Scienze

 

ARENA Maria ( ) [  ]

BEATRICE Rossana [  ]

CIARAMELLA Angela [  ]

D'ANGELO Immacolata  [  ]

DELLA CORTE Giuseppe Pasquale [  ]

DI MATTEO Anna [  ]

ESPOSITO Adelaide [  ]

[  ]

Ganzerli Ciro [ ]

IZZO Isabella (Referente Dipartimento) [  ]

PAPA Luisa [ ]

POTA Luigi [  ]

[ ]

 

Il Laboratorio di Scienze

Il laboratorio riveste un ruolo centrale nell’insegnamento delle Scienze in quanto esso costituisce un importante momento di coinvolgimento e di stimolo all’apprendimento, consentendo non solo di verificare in pratica quanto previsto dalla teoria, ma di comprendere pienamente, operando, quanto sia importante il ruolo della verifica sperimentale nel progresso delle Scienze, e di acquisire, in misura soddisfacente, una mentalità di tipo scientifico. Il laboratorio è il luogo dove si osservano, si progettano, si sperimentano i fenomeni studiati, si identificano le misura di grandezza che in essi intervengono, si impara a scegliere le operazioni e gli strumenti idonei a tale scopo, ad analizzare e rappresentare i dati opportunamente elaborati. In questo modo la materia diventa “viva” e si impara la metodologia sperimentale. In laboratorio si acquisiscono anche atteggiamenti fondati sulla collaborazione interpersonale  e di gruppo e si sviluppano le capacità critiche nei confronti della realtà tecnologica.

I docenti del Liceo “Diaz” si attivano per promuovere l’attività   sperimentale in tutti gli anni di studio e  in tutti gli ambiti disciplinari grazie anche al cospicuo materiale in dotazione del laboratorio. Esso comprende supporti strumentali, vetreria, sostanze utilizzabili nelle esperienze, una ricca collezione composta da cento campioni di minerali, vetrini visibili con il microscopio digitale proiettabile, campioni di animali conservati in formalina. Il laboratorio è dotato anche di sussidi audiovisivi consistenti in diapositive, videocassette, DVD che interessano  il settore  biologico, chimico, astronomico e dell’educazione alla salute. Per quanto attiene all’esecuzione degli esperimenti i docenti fanno riferimento a specifiche schede di laboratorio. Ogni scheda parte da prerequisiti teorici, pone degli obiettivi di apprendimento o di verifica, individua i materiali e le tecniche da utilizzare e guida all’analisi dei fenomeni osservati e all’elaborazione dei dati acquisiti per indurre infine a delle riflessioni dalle quali trarre conclusioni valide. Con questa tecnica i docenti  inducono gli allievi a collegare i principi teorici con l’osservazione di fatti sperimentali e con gli aspetti procedurali, stimolando lo sviluppo della creatività e del senso critico che sono gli aspetti fondamentali della conoscenza.


Esperienze proposte nel campo chimico e biologico di agevole realizzazione:

  1. Individuazione della differenza tra miscuglio omogeneo e miscuglio eterogeneo
  2. Cromatografia su carta
  3. Verifica sperimentale della legge di Proust e della legge di Lavoisier
  4. Determinazione della formula di un composto
  5. Saggi alla fiamma con il filo di platino
  6. Polarità dei liquidi e miscibilità dei liquidi
  7. Reazioni chimiche
  8. Preparazione di una soluzione
  9. PH di prodotti commerciali
  10. Conducibilità delle soluzioni elettrolitiche
  11. La Pila e verifica visiva dello svolgimento di una reazione redox
  12. Estrazione del DNA
  13. L’osmosi
  14. Ricerca dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine negli alimenti
  15. Verifica dell’azione della ptialina nell’amido cotto
  16. Epiteli vegetali al microscopio
  17. Esame delle cellule epiteliali della bocca
  18. Osservazione dei lieviti
  19. I pigmenti foto sintetici
  20. Osservazione dei granuli di amido
  21. Lo studio della fermentazione
  22. Lo studio della mitosi
  23. L’acidità della pioggia

 

 

Contenuti protetti

Si prega di digitare la password per accedere

 

P.T.O.F.

BLOG

Facebook

Rassegna Stampa

Concorsi e premi

AlmaOrièntati

^

Io Studio