CITTADINANZA E COSTITUZIONE

EVENTO CONCLUSIVO PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dalla Costituzione italiana

al Codice leuciano per la Cittadinanza Globale.                                                                                                         

Presentazione  degli elaborati relativi al Percorso formativo annuale Question time

Oggi 1 giugno 2019, al Liceo DIAZ di Caserta, nella Sala Conferenze, interessante  momento di sintesi rispetto all’azione di sistema annuale di CITTADINANZA e COSTITUZIONE  in cui gli studenti hanno  riflettuto  sui temi storici  contemporanei della società civile,  mediante approfondimenti di Storia, di  Filosofia del diritto, di Diritto  e di Sociologia. L’alunna Sara Borrelli  della classe IV sez.D, ha introdotto i lavori  soffermandosi sui risultati raggiunti alla conclusione del corso di Cittadinanza e sulle ragioni del  dibattito di oggi.

Esemplare la mostra fotografica curata dall’alunna Noemi Sparago, classe V sez. B, sui temi trattati : Cultura e società secondo il Codice leuciano e la Carta costituzionale italiana, la sostenibilità ambientale e i cambiamenti climatici,la cittadinanza digitale e globale.  Gli studenti stamane hanno espresso  curiosità maturate durante il percorso  formativo,  mediante le metodologie del cooperative learning, flipped classroom e BYOD.

Le competenze di educazione civica, sviluppate nell’ambito del corso di cittadinanza,  hanno preso forma  dando luogo ad un question time  ai  Referenti del territorio che operano per la Legalità: Carlo Marino Sindaco di Caserta, Anna Ida Capone Sostituto Procuratore della Repubblica,Tribunale di S.Maria C.V. Sergio Enea G.I.P.Tribunale di S.Maria C.V. Presidente A.N.M.I, Maria Conforti Ordine Avvocati di Santa Maria C.V., Gloria Martignetti Ordine Avvocati di Santa Maria C.V. Profonda soddisfazione nelle parole del Dirigente Scolastico, Ing. Luigi Suppa: “la giornata di oggi rappresenta  per il Liceo Diaz uno degli step della nostra offerta formativa, le competenze di CITTADINANZA tramite la Costituzione, sono trasversali a tutta la nostra programmazione  che coniuga innovazione e tradizione culturale per l’ umanesimo globale”.

La Prof.ssa Matilde Pontillo, referente dell’itinerario di cittadinanza, si è soffermata sulla necessità di un progetto di vita “Per la Pace Perpetua”  secondo l’idea kantiana della Repubblica, fondata sulla libertà e l’uguaglianza giuridica, alla luce della solidarietà e dell’inclusione sociale. Non è mancato, a tal punto, un suo passaggio sulla valenza storica  del 2 giugno che ha offerto agli studenti la possibilità di porre  una domanda ai Giudici Capone ed Enea sul II comma dell’art.3, l’uguaglianza sostanziale .  

Lo studente Ivan Ercolano, classe V sez. B, ha sottolineato i nuclei tematici del Codice leuciano, primo sistema di leggi del territorio nel periodo della Rivoluzione francese, riferimento continuo della nostra analisi alla Carta costituzionale.

Simpatico e denso di significati l’intermezzo musicale a cura dell’Associazione ”La Barca di Teseo di Germano Iacelli e di un gruppo di professionisti casertani, tra cui Flavia Squeglia che ci ha spiegato il senso della “Tammurriata”, la danza che rappresenta il  rapporto tra le tradizioni del territorio, il canto e la musica come strumenti di libertà a favore del clima sociale e civico per il Bene comune.

Di seguito  gli allievi hanno  presentato i prodotti, digitali e non solo, frutto di più di venti ore di lavoro pomeridiano, ponendo curiosità al Sindaco di Caserta  in merito alla sicurezza nel territorio  e al rapporto tra le opportunità di occupazione  e  il capitale umano, tra lavoro ed economia oggi, alla luce della Carta costituzionale  e nel ‘700 con il Codice leuciano. Molto sentita la risposta del Primo cittadino di Caserta che, dopo un excursus storico del periodo borbonico, ha spiegato il lavoro di questa amministrazione per garantire un graduale miglioramento sollecitando i giovani alla partecipazione attiva.   

La Prof.ssa Lucia Quattrone e il Prof. Raffaele Agresti, parte del gruppo laboratorio di Cittadinanza e Costituzione, hanno offerto agli allievi spunti circa le questioni della Responsabilità per debellare le diseguaglianze. Gli studenti hanno posto ancora domande: circa i fattori che permisero, nel 1789, ad una piccola colonia come San Leucio, di mettere in atto un principio che verrà ufficialmente riconosciuto a livello nazionale solo nel 1948 con la Carta costituzionale; sulla necessità di far fronte all’analfabetismo funzionale, di cui si è pericolosamente inconsapevoli; sul confine tra libertà di stampa e  rispetto della libertà personale e diritto alla privacy. Le avvocate Conforti e Martignetti hanno risposto alle questioni, soffermandosi sulla forza della ragione che, insieme alla conoscenza mediante l’esercizio dei doveri e dei diritti, può garantire il miglioramento. Molto sentita la lettura dello studente Bruno D’Ovidio, classe V sez. B, che, leggendo un frammento da “Totalità e infinito” di Lévinas, ha coinvolto tutti nelle sue riflessioni in merito alla Alterità, al Volto, all’Amore del prossimo, alla “preoccupazione per la giustizia”.

EVENTO E BROCHURE REALIZZATE DAGLI STUDENTI

INTERMEZZO MUSICALE “LA TAMMURRIATA”

 

 

PERCORSI FORMATIVI ANNUALI DI LEGALITÁ ATTUATI NELL’A.S. 2018/2019

Proseguono con successo i PERCORSI Formativi annuali di Cittadinanza e Costituzione

focus: dal Codice leuciano alla Costituzione Italiana.

Gli studenti, in itinere, coordinati dalla Prof.ssa Matilde Pontillo, hanno prodotto  sintesi, grafici, schemi e progettualitá per il nostro territorio sulle seguenti macro aree:

-Rapporto tra risorse del territorio e occupazione;

– La funzione pratica della conoscenza;

 -Ruoli e democrazia nella scuola e nel territorio;

-Responsabilità, regole e diritti umani;

 -Terra di lavoro ed economia;

-Cittadinanza digitale e umanesimo globale;

-L’analfabetismo funzionale e nel XXI secolo.

News anche per il Corso Formativo Accordo di Rete “Cultura e Legalità” per ragazzi delle terze medie e del I biennio delle Scuole Superiori del territorio provinciale di Caserta.

Questi gli aggiornamenti sui temi discussi:

-Ludopatia

– bullismo

– cyber bullismo

-alcolismo.

Soddisfatti per i laboratori formativi il Dirigente Scolastico, Prof. Ing. Luigi Suppa e la Referente alla legalità, Prof.ssa Matilde Pontillo.

La scuola inoltre ha partecipato a due eventi:

  • Partecipazione di alcuni studenti del Diaz al Concorso Nazionale Miur- Rai-Usigrai- SFI RILEGGIAMO l’Art.3. l’Art 21

 

  • Elaborato- abbozzo concettuale di una campagna promozionale contro le disuguaglianze culturali e sociali.

QUESTION TIME AL LICEO DIAZ CONOSCERE LA COSTITUZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

COMUNICATO DELLA PROF.SSA MATILDE PONTILLO REFERENTE LEGALITA

Venerdì 22 febbraio, dalle 16:00 alle 18:00, presso il Liceo Scientifico “A.Diaz”di Caserta, si è tenuto il  Question time Conoscere  la Costituzione per lo Sviluppo Sostenibile, coordinato dal lungimirante Dirigente Scolastico, Prof.Ing.Luigi Suppa  e curato dalla Referente Legalità, Prof.ssa Matilde Pontillo. Il percorso di educazione alla legalità  annuale mediante la  filosofia del diritto , la storia del percorso  costituzionale italiano e del processo  europeo con una curvatura mondiale, offre la possibilità agli studenti del Diaz  di riflettere insieme, a classi aperte, sulla Costituzione e sui temi sociali e civici contemporanei con la metodologia laboratoriale. Il question time è stato risultato  del primo step di tante giornate di studio e di attività coordinate dalla Prof.ssa Matilde Pontillo che ha lavorato  in team con altri docenti  per lo sviluppo di competenze  e per favorire dubbi e curiosità  poste dagli studenti il  22 febbraio a chi ha responsabilità  civiche e giuridiche nel territorio. Focus: Costituzione e agromafie. In primis, i chiarimenti del Sostituto Procuratore della Repubblica di S. Maria C.V., Giudice Stefania Pontillo, ex alunna del Diaz, all’alunna Gabriella Cutillo, che ha parlato di alcuni provvedimenti presi in sinergia con la Dott. ssa Marilena Scudieri dei Carabinieri Forestali in merito alla situazione dei pozzi avvelenati situati tra Caserta e San Nicola. Un  video,  curato  e commentato dalla Dott.ssa Scudieri,  ha mostrato la quantità di arsenico ritrovata all’interno delle acque dei pozzi, acque inquinate e utilizzate per l’irrigazione delle zone circostanti. Il G.I.P. Sergio Enea, Presidente dell’A.N.M. di S. M. C.V, ha chiarito le azioni messe in essere riguardo al rapporto tra inquinamento – prodotti alimentari e salute, evidenziato dall’alunna Martina Caiazzo, tuttavia, in alcuni casi la magistratura non può intervenire, in quanto gli stessi diventano “reati di prescrizione”, e ciò non fa altro che complicare ulteriormente le indagini. L’alunna Ines Febbraio ha espresso le sue preoccupazioni in merito al rapporto tra etica e politica nel territorio casertano al Vice Sindaco di Caserta, con delega all’ambiente, Dott. Francesco de Michele, riguardo lo smaltimento dei rifiuti, l’inquinamento, i cambiamenti climatici e la malattia, quale membro del comitato della “terra dei fuochi”, ha parlato dell’impegno dell’Ente Comune di Caserta rispetto alla gravità del dramma attuale e alla tutela ambientale, manifestando, inoltre,  il suo compiacimento per il modus operandi del DIAZ,  la Costituzione come caposaldo per la sostenibilità. L’alunno Antonio D’Errico ha chiesto quali provvedimenti siano stati presi sul territorio rispetto alle catastrofi naturali, alle agromafie e agli altri fenomeni di corruzione e di concussione. Il Giudice Enea ha sottolineato l’importanza dell’onestà, unico antidoto per consolidare il sistema giudiziario, affermando: “quanto più remota sarà la corruzione, tanto più sarà attiva la legislazione, e di conseguenza il suo ripercuotersi positivamente sulla società, la Natura va preservata da ciascuno di noi, parte del tutto”. A tal proposito l’alunno Ivan Ercolano ha analizzato un passo dalle “Operette Morali” leopardiane, riflettendo sul concetto di Natura, quindi, il giudice Enea ha affermato che ciascuna persona, alla luce delle vicende umane nel corso della storia, deve modificare il proprio atteggiamento così da preservare la natura, evitando una sua futura compromissione. A riguardo, l’alunno Francesco Matano, ha letto un passo del “Principio responsabilità” di Hans Jonas, riflettendo sulla responsabilità rispetto alle generazioni future, sull’imperativo ecologico in luogo dell’imperativo categorico di Kant. L’alunno Michele Di Lorenzo ha chiesto i provvedimenti presi dai Referenti dello Stato sul riscaldamento globale e sulle sue conseguenze, il Maggiore Scudieri ha affermato che le Forze dell’Ordine intervengono per la prevenzione mediante controlli costanti, oltre che con le sanzioni, ma è necessaria una maggiore attenzione da parte dei cittadini riguardo la gestione dei rifiuti. Il Dirigente Scolastico Luigi Suppa, visibilmente soddisfatto, citando l’apporto culturale e civico di Cesare Beccaria e di Gaetano Salvemini, ha sottolineato l’importanza della formazione culturale della Scuola come prevenzione rispetto alla vita. Il Preside Suppa  e la  Prof.ssa Matilde Pontillo,  ringraziando tutti  i Referenti delle Istituzioni del territorio, hanno sottolineato l’importanza della Conoscenza mediante tutte le discipline, trasversale l’educazione civica che ha il ruolo di  sviluppare  competenze chiave di Cittadinanza e Costituzione per ciascun studente del terzo millennio.

Torna all'inizio