BUILDING A THINKING MATHEMATICAL CLASSROOM, LEZIONI DI DIDATTICA INNOVATIVA AL LICEO DIAZ

 

 

 

 

 

“Building a Thinking Mathematical Classroom” dal Canada approda al Diaz nella classe 2B della prof Paola Amato docente di matematica e sostenitrice nonchè formatrice sulla didattica innovativa e sperimentale.

Così questa particolare metodologia di lavoro sul problem solving, nota con il nome di “Thinking Mathematical Classroom” e messa a punto da Peter Liljedahl professore di matematica presso la Simon Fraser University in Canada, è stata sperimentata al Liceo Diaz con grande successo.

Alle lezioni ha assistito il Preside Luigi Suppa che ha dichiarato: “Sono sostenitore convinto della didattica sperimentale e dell’innovazione che si attua attraverso strategie laboratoriali che riescono a motivare i ragazzi allo studio.

Certamente tutto ciò prevede un maggior impegno per i docenti e anche per gli studenti, ma le strategie motivazionali sono necessarie in una società che dà sempre meno importanza allo studio.

E, a tal proposito, non ho nessuna esitazione ad affermare – ha concluso il Dirigente Suppa – che al Diaz lo studio e la conoscenza costituiscono una priorità e che, poste in atto tutte le strategie didattiche, la qualità, la serietà e il rispetto delle regole rappresentano una garanzia per il successo formativo dei nostri ragazzi. Il percorso liceale prepara adeguatamente agli studi successivi ed è assolutamente fondamentale che sia affrontato con consapevole impegno”.

La strategia di Peter Liljedahl nasce dalla sua esperienza di insegnante di matematica del liceo e a seguito di un’osservazione in una classe in cui venivano proposti con insuccesso problemi che prevedevano intuizione e non una semplice applicazione delle conoscenze, giunse alla conclusione che ciò che mancava in questa classe era che gli studenti pensassero, mancava cioè il sorgere di “Aha moment”, una sorta di “Eureka!” ovvero momenti di pura illuminazione matematica che creano emozioni positive a sostegno del processo di apprendimento.

Gli studenti si bloccavano rinunciando e quando l’insegnante passava tra i banchi incoraggiando e aiutando gli studenti senza fornire suggerimenti ma, senza guida, si bloccavano.

“La metodologia ideata da Liljedahl e che ha portato a dei risultati positivi – ha dichiarato la prof Paola Amato – prevede un’organizzazione dello spazio classe e dell’interazione tra individui per supportare il più possibile il coinvolgimento nell’attività matematica e il sorgere di momenti di pura illuminazione matematica che creano emozioni positive a sostegno del processo di apprendimento.”

La “classe pensante” della docente Amato è così organizzata: è dotata di 6 lavagne distribuite sulle pareti della classe in modo da rendere il lavoro visibile all’insegnante, gli alunni vengono suddivisi in gruppi casuali da due a quattro e assegnati a una delle sei lavagne su cui lavorare per risolvere un determinato compito di problem solving.

Gli studenti possono interagire frequentemente con altri gruppi, allo scopo di ottenere aiuto. Per quanto possibile l’insegnante dovrebbe incoraggiare questa interazione indirizzando gli studenti verso altri gruppi quando si bloccano nella risoluzione. Lavorare in gruppo favorisce lo scambio di idee e una discussione sulla strategia risolutiva ma anche lo sbirciare sulle lavagne degli altri gruppi diventa positivo e inteso come occasione di confronto.

Gli alunni imparano insieme e costruiscono conoscenza e comprensione attraverso l’attività e la discussione che prevede di utilizzare suggerimenti che inducono alla procedura come risposta a domande al docente e non indicazione della procedura.

Ad ogni gruppo viene fornito un sol gesso o penna per ogni lavagna per aumentare la probabilità che lavorino in gruppo e al termine della risoluzione, un componente casuale di ciascun gruppo, relaziona la procedura risolutiva.

Anche per altre discipline si potrebbe utilizzare la strategia della “classe pensante” e del confronto tra gruppi seguendo ad esempio, per il Latino, il metodo della traduzione contrastiva di Umberto Eco, o per l’analisi del testo in Italiano facendo tesoro di questo brainstorming strutturato per gruppi e reso produttivo dalle lavagne in cui i ragazzi registrano idee, operazioni e risultati.

AL VIA IL PERCORSO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Martedì 10 dicembre 2019 è iniziato l’itinerario formativo annuale di Cittadinanza e Costituzione, fortemente voluto dal Dirigente Scolastico, Prof. Ing. Luigi Suppa e coordinato dalla Referente, Prof.ssa Matilde Pontillo, che ne ha curato l’organizzazione.

Il Liceo DIAZ, già da cinque anni, realizza il corso “Lezioni di Costituzione” accogliendo le linee guida del bando di concorso-progetto M. I. U. R, Camera dei Deputati e Senato della Repubblica indetto con il fine precipuo di una reale formazione civica di ciascuno studente alla luce della Costituzione Italiana. Focus del percorso formativo che sarà attivo fino al mese di giugno 2020 è: “Costituzione e lavoro, quale Democrazia?”.

Grande affluenza e tanta partecipazione degli studenti hanno caratterizzato questa prima giornata, in gruppi, gli allievi si sono disposti nei due laboratori di Informatica e nella Sala Conferenza, impegnandosi in un dialogo attivo e nella elaborazione di prodotti digitali sulla tematica di studio tesa a consolidare l’educazione civica mediante input di storia, di filosofia del Diritto, di letteratura classica e contemporanea, di economia sintetizzati mediante sondaggi, tabulazioni e grafici con tecnologie innovative. Le “lezioni di Costituzione” rappresentano, infatti, la sinergia di ragioni, sentimenti e competenze di un team dei docenti: Alessandra Natale, Annamaria Afiero, Raffaele Agresti e Matilde Pontillo.

Il Preside Luigi Suppa e la referente Prof.ssa Matilde Pontillo, hanno organizzato questo viaggio formativo attraverso una varietà di approfondimenti curati dal gruppo di lavoro per offrire agli studenti DIAZ la padronanza delle competenze di Cittadinanza e Costituzione, accertate dallo scorso a.s. anche agli Esami di Stato.

Il Liceo Diaz, in costante dialogo con il territorio, tramite questa azione formativa di Cittadinanza, in itinere, prevederà collaborazioni con esperti in ambito costituzionale, del Diritto del lavoro, degli Enti Locali, delle Associazioni, dell’Università, della Magistratura e dei vari Ordini Professionali.

IL DIAZ ALLA “GIORNATA EUROPEA DELLA GIUSTIZIA CIVILE”

Venerdì 25 ottobre 2019 il gruppo classe IV B del Liceo DIAZ, quale unica Scuola della città di Caserta, ha partecipato alla “Giornata europea della giustizia civile” presso il Tribunale Civile di S.M.C.V.

Il Dirigente Scolastico, Prof. Ing. Luigi Suppa accogliendo l’invito della Presidente del Tribunale di S. Maria C.V, Dott.ssa Gabriella Casella, ha offerto l’interessante opportunità agli studenti già protagonisti dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (ex Alternanza Scuola-Lavoro) con l’Ordine degli Avvocati di S. Maria C.V.

La IV B, coordinata dalla Referente alla legalità, Prof.ssa Matilde Pontillo, è stata accolta dal Presidente della I Sezione civile, il Giudice Dott. Raffaele Sdino, che ha esposto le finalità della giornata: “conoscere l’azione della magistratura per la giustizia civile dei cittadini”. Il metodo di studio-ricerca, proposto in questa giornata, ha favorito la sperimentazione di azioni e la ricerca di modelli di giurisprudenza civile. Gli studenti hanno lavorato sulle varie tipologie di rapporto di lavoro, autonomo o subordinato, a cottimo, a reddito dipendente, a tempo determinato, a tempo indeterminato, precario, esprimendo curiosità e dubbi, sollecitati da input emessi dai Magistrati della sezione Lavoro, il Presidente, Dott. Roberto Pellecchia e la Giudice Dott.ssa Valentina Ricchezza.

A giudizio dei Magistrati, il gruppo classe IV B è apparso, entusiasta e attivo, ha evidenziato competenze civiche sviluppate nei percorsi di alternanza e nelle aule di scuola, consolidate, a latere, nel corso degli itinerari di approfondimento pomeridiani di Filosofia del Diritto e Storia della Costituzione. I ragazzi si sono soffermati sul lavoro dei rider e dei braccianti agricoli, passando per la problematica del caporalato, prendendo spunto dal loro approccio occasionale con il mondo del lavoro.

Gli studenti sono stati inoltre sollecitati dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati, Avv. Adolfo Russo, che ha illustrato le differenze tra diritto civile e diritto penale e tra giustizia civile e giustizia penale stimolandoli a partecipare alla vita civile europea, nel rispetto della nostra identità nazionale, accogliendo le istanze formative di tutti e di quanti avessero intenzione di diventare avvocati o magistrati per un impegno costante per la giustizia che inizia nelle aule di Scuola e continua per tutta la vita al fine della libertà e dell’Uguaglianza per la Giustizia civile. I ragazzi si sono sentiti protagonisti di questo momento storico e hanno messo in campo energie intellettive e competenze acquisite a scuola.

Al termine della giornata, il Presidente della Sezione Civile, Dott. Raffaele Sdino ha dato la possibilità agli studenti della IV B di esporre l’analisi della giornata di GIUSTIZIA CIVILE che ha fatto percepire l’idea di essere nella CASA dei Diritti per essere cittadini consapevoli. Questa esperienza in Tribunale ha avuto un’ottima ricaduta sulla crescita formativa dei giovani studenti che, ritornati a scuola, hanno socializzato l’esperienza con gli studenti delle altri classi facendo emergere la necessità delle regole con il sostegno delle Istituzioni e degli Organi di Stato.

 

 

Torna all'inizio